Produttori

Salame da cuocere, salame alla piacentina (salam da cotta)

 

Altro importante prodotto della tradizione, ottenuto da un impasto di rifilature di carne magra e grasso di suino nazionale adulto con aggiunta di sale , aromi e conservanti
Preparazione: si ottiene tramite macinatura della miscela di carne e grasso con successiva salatura, insaccatura e asciugatura. La salagione è effettuata con una concia a base di sale, aromi e conservanti.
Si procede al mescolamento dell’impasto e all’insaccatura in budello naturale suino; a seguire si effettua la foratura dell’involucro e infine alla legatura. La fase di asciugatura dura di norma qualche giorno, è viene effettuata in ambienti che permettono un’adeguata disidratazione del prodotto.
Utilizzo in cucina: Il "Salame da cotta " è commercializzato sfuso e deve essere conservato ad una temperatura tra 0° e + 7° C  e consumato previa cottura in acqua. Il tempo di cottura dipende dalle dimensioni del prodotto.
Abbinamenti consigliati: vini rossi, corposi (Gutturnio e Barbera)
Zona di produzione: La zona di produzione comprende l'intero territorio della provincia di Piacenza.
Storia: Il salcicciotto alla piacentina era conosciuto già ai tempi del Cardinal Giuglio Alberoni che, allo scopo di accontentare Elisabetta Farnese, consorte di Filippo V re di Spagna figlia di Odoardo, nipote e figliastra di Francesco Duca di Parma e Piacenza, non mancava di far avere alla Regina Elisabetta, i salami piacentini, crudi e cotti. Tale citazione è ripresa dallo storico piacentino Serafino Maggi, nell’opera "I salumi Piacentini" edita nel 1973.
 

 

Torna alla pagina dei Prodotti tradizionali